martedì 18 novembre 2008

volerò su note lavate

mi appartiene la storia di baci che non si dimenticano
e baci che si sbagliano
baci e parole su storie mai lette tuttavia interpretate.
cancellare certi odori
e sopraffare alcuni sapori che amano non è leale.
cambio bocca come respiri freschi che ti allietano e se ne vanno.
corro sui desideri
e come in mezzo a un fiume in piena sto attenta a non cadere,
saltellando su massi scivolosi ricoperti di sogni
l'acqua scorre bollente e violenta
io sono gelida e pensierosa.
mia madre è bambina
e cerca l'amaro dell'amore
come in un dolce di piombo una pepita d'oro
che non arriverà ad osservarla in tutta la sua coraggiosa bellezza.
mendicanti sorridono ai miei occhi
come un vento ghiacciato che ti spacca le ossa,
congelano l'anima
non riesco più a dimenticare a non pensare,
non voglio non vedere.
penso ad adesso,
al momento subito prima ed alle bollicine nell'acqua pura,
il momento che verrà ancora non mi appartiene.
non mangio aglio oggi perché il passato mi fa male hai denti.
e parlo per paragoni ed utopie che ridono senza comprendersi.
alcuni pensieri sono tagliati dal sudore,
altri siedono,
camminano e tremano alle 3 di notte
con gambe di frumento nascoste sotto gonne colorate.
mi lavo di risa ed osservo i comportamenti degli amici.
siamo tutti così deliziosamente soli solo per unirci.
l'ombra dei veleni proietta luce davanti a noi.
lo so che mi sei a fianco,ti sento ma non ti vedo.
mio fratello è un viaggiatore,
vive nei boschi,nei mari,nelle città e sulle vette
mio fratello vuole farmi conoscere le montagne
ed io
voglio conoscere le montagne e riconoscere mio fratello.
lavoro nel circo dei sognatori,
quello che scrivo non è mio,
è prodotto dal mio cervello ed è per gli occhi del cuore della gente.
siamo troppi,la città è piena ed impazzita,
io posso vedere quello che fai in casa tua,tutti lo possono
siamo troppi e troppo vicini,
la vicinanza stringe il contatto,
il contatto riscalda,
la città è fredda.
dammi la mano e portiamoci via da qui.
volerò.
parole piene di energie
che rimangono solo parole sulla pelle di queste pagine
tatuate di fili invisibili
a cosa serve il tempo?
il sorriso degli specchi si increspa
e piange divertito da giullari caduti su note lavate
che ti osservano elemosinando spiccioli per tempo nuovo.
che non tornerà.
prendo quello che ho già perché l'aria mi possiede.
vivo in un cartone animato non ancora registrato.
le energie della vita sono risate con diverse facce
crude rabbiose felici divertite scandalizzate impaurite
bianche
nere.
siamo sulla stessa altalena
aggrappati a due catene diverse
con ritmi differenti possiamo guardarci e proteggerci.
buon compleanno hermano oggi il giorno è per te.

2 commenti:

manuela ha detto...

Può sembrare una momento per caso,
come una penellata distratta su una tela.
E quella tela sei tu,
userai colori di luce e non solo parole,
Sei una creatura speciale,
come lo sono le stelle,
che restano a guardarci anche quando sono andate lontane.
E io ti seguirò
con l'amore di cui sono capace,
ovunque tu andrai.

jonny bordello ha detto...

silenzio

ecco e' tutto li
keep the love rolling